LA REVISIONE

La "revisione" è il check-up completo di un veicolo che si effettua PERIODICAMENTE presso le officine meccaniche autorizzate dal Ministero dei Trasporti per stabilire L'IDONEITÀ o meno del mezzo a circolare sulle STRADE EUROPEE.

Dal primo gennaio del 2000, anche in Italia le revisioni rispettano le norme comunitarie. A seconda del tipo di veicolo, vengono identificati due tipi di revisione:

REVISIONI PERIODICHE

  • Autocarri, motocarri e auto/motoveicoli per uso speciale o per trasporti specifici di cose aventi massa complessiva a pieno carico inferiore a 3,5 t.; quadricicli a motore
  • Autovetture ed autoveicoli per trasporto promiscuo ad uso privato (compreso l’eventuale carrello appendice), autocaravan
  • Motoveicoli e autoveicoli d’epoca e di interesse storico e collezionistico. Motoveicoli ciclomotori e quadricicli leggeri

REVISIONI ANNUALI

  • Autobus
  • Autoveicoli isolati di massa complessiva a pieno carico superiore a  3,5 t.
  • Rimorchi di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t.
  • Autoveicoli e motoveicoli in servizio di piazza o di noleggio con conducente (es. taxi)
  • Autoambulanze
  • Veicoli atipici

La prima revisione periodica deve essere effettuata quattro anni dopo la prima immatricolazione entro il mese di rilascio della carta di circolazione, le successive ogni due anni, entro il mese in cui è stata effettuata l’ultima revisione.

La revisione annuale deve essere eseguita l’anno successivo a quello di prima immatricolazione entro il mese di rilascio della carta di circolazione e successivamente ogni anno entro il mese in cui è stata effettuata l’ultima revisione.

Se il veicolo è stato reimmatricolato, le date da prendere in considerazione sono l’anno di prima immatricolazione e il mese in cui è stata rilasciata la nuova carta di circolazione.

I veicoli che non abbiano adempiuto all’obbligo previsto negli anni precedenti, salvo diversa indicazione, rimangono soggetti all’obbligo della revisione e sono sanzionabili in caso di circolazione.

CONTROLLI DELLA REVISIONE

La revisione è composta da una serie di verifiche strumentali e da un esame visivo delle principali componenti del veicolo, della loro integrità, dello stato di usura e della loro efficienza

principalmente le fasi di una revisione si possono riassumere nei contenuti qui di seguito riportati:

  • Identificazione veicolo
  • Controlli vano motore
  • Controlli con attrezzature
  • Controlli esterno veicolo
  • Controlli interno veicolo
  • Controlli sottoscocca

CONTROLLI AUTOVEICOLI

  • Controllare che tutte le luci funzionino;
  • Controllare che il veicolo abbia un sistema frenante funzionante;
  • Controllare che i seguenti dispositivi di emergenza ci siano e siano funzionanti:
  • avvisatore acustico,
  • ruota di scorta,
  • triangolo,
  • cinture di sicurezza, anteriori e posteriori (solo per i veicoli immatricolati dopo il 16/06/76 e dotati di predisposizione);
  • Controllare che i gas di scarico siano regolari;
  • Controllare che il numero di telaio sia leggibile e coincidente con quanto riportato sulla carta di circolazione;
  • Controllare che il veicolo non abbia perdite di olio o di altre sostanze liquide;
  • Controllare che non vi siano eccessive ammaccature o corrosioni sulla struttura del veicolo;
  • Controllare che i vetri non abbiano crepe o buchi evidenti;
  • Controllare che gli specchi non siano crepati;
  • Controllare che gli pneumatici siano della misura riportata sul libretto, che siano in buone condizioni e che la marca e modello siano uguali per asse.

CONTROLLI MOTO

  • Controllare che le luci funzionino e siano integre;
  • Controllare che il veicolo abbia un sistema frenante funzionante;
  • Controllare che l’avvisatore acustico sia funzionante;
  • Controllare che il numero di telaio sia leggibile e coincidente con quanto riportato sulla carta di circolazione;
  • Controllare che il motoveicolo non abbia perdite di olio o di altre sostanze liquide;
  • Controllare che le marmitte siano omologate;
  • Nel caso in cui vi sia un parabrezza, controllare la sua integrità;
  • Controllare che vi sia un sistema di ancoraggio del passeggiero nel caso in cui il motoveicolo sia omologato per due persone;
  • Controllare che gli specchietti siano integri ed omologati;
  • Controllare che i pneumatici siano della misura riportata sul libretto e che siano in buone condizioni;
  • Controllare che gli indicatori di direzione funzionino correttamente e che siano installati su tutti i motocicli immatricolati dopo 01/11/1995;
  • Controllare che le emissioni dei gas di scarico siano conformi alle vigenti normative;
  • I ciclomotori non devono superare la velocita massima di 45 km/h.